Stampa



Il sistema informatico di cui si avvantaggia l'intero progetto è stato sviluppato dal CRIBeCu, che ha reso disponibili le proprie metodologie applicate alla codifica testuale standard insieme ad un rodato motore di ricerca. L'impianto si basa sugli strumenti tecnologici TReSy (Text Retrieval System), motore di ricerca per documenti SGML/XML, e TReSySite, sistema di generazione dei siti web legato al motore stesso: essi sono il frutto dell'attività di ricerca condotta dal CRIBeCu nell'ambito di un più ampio settore di analisi delle fonti letterarie mediante l'ausilio di strumenti informatici. Indipendentemente dalla tipologia del materiale indicizzato, il motore di ricerca permette la consultazione e l'interrogazione di documenti XML a tre diversi livelli: un livello testuale, relativo alla ricerca di parole o parti di esse (prefissi, suffissi ecc.), fino al singolo segno grafico; un livello strutturale, relativo alla ricerca di specifici elementi gerarchici (exx.), eventualmente combinati fra loro; un livello testuale-strutturale, frutto della combinazione tra i due livelli precedenti, che consente di ottimizzare le potenzialità dell'investigazione full-text, con l'unico vincolo imposto dall'ordinamento scalare della marcatura. Tali strumenti informatici sono estesi alla rappresentazione digitale del testo in formato standard; a partire da metalinguaggi quali SGML e soprattutto XML si è generato un linguaggio ad hoc per la transcodificazione di fonti letterarie (CRIBeCuCorpus). Come per tutti gli altri progetti finora realizzati dal CRIBeCu, anche in questo caso è stato applicato il modello di codifica generale, convenientemente adattato alle caratteristiche peculiari del testo in oggetto. Per quanto riguarda l'architettura del sito e il sistema di consultazione si è fatto riferimento alla collaudata esperienza del progetto BiViO.